Associazione Culturale

Visioni e Illusioni

Il grande cinema del '900
In collaborazione con Centro Sperimentale di Cinematografia / Cineteca Nazionale e Open Colonna

Roma, 26 maggio, ore 20,30
Cinema Trevi – Cineteca Nazionale

Proiezione del film restaurato
Anonimo veneziano
di Enrico Maria Salerno

Partecipa il maestro Stelvio Cipriani

L’Associazione culturale Visioni e Illusioni/ Il grande cinema del Novecento prosegue il ciclo delle proiezioni dei capolavori restaurati.

Dopo “La ciociara” di Vittorio De Sica, proiettato nella serata in cui è stata presentata l’associazione, e “C’eravamo tanto amati” di Ettore Scola e “Il conformista” di Bernardo Bertolucci, tocca a “Anonimo veneziano” di Enrico Maria Salerno.
Alla serata partecipa il maestro Stelvio Cipriani che ha composto le musiche del film.

Girato nel 1970, “Anonimo veneziano” riscosse uno straordinario successo di pubblico.
Uno di quei film che colgono un’atmosfera e raggiungono una sintonia immediata con lo spettatore. Un’intensa storia di amore e morte sullo sfondo di Venezia.
Segnò il debutto nella regia di un attore importante e appassionato di teatro e cinema come Enrico Maria Salerno, con il contributo delle immagini di Marcello Gatti e le musiche di Stelvio Cipriani.

Riproporre il film nella versione restaurata vuol dire rendere un omaggio a un momento felice del nostro cinema e ritrovare un’opera che fa parte dell’immaginario più significativo del pubblico.

L’Associazione culturale Visioni e illusioni/Il grande cinema del Novecento ha come Presidente onorario il maestro Giuliano Montando ed è presieduta da Ettore Spagnuolo.
Si propone di:
– far conoscere la storia del cinema italiano del ‘900 quale espressione viva della società del tempo rapportandola alla attualità, nella convinzione che il legame passato-presente, attraverso la cinematografia, rappresenta un’occasione per approfondire i valori e le dinamiche della società italiana;
– valorizzare il patrimonio storico, culturale, artistico e quindi anche cinematografico e fotografico italiano;
– creare una sorta di circolo culturale, ovvero un luogo di incontro e confronto per discutere non solo di cinema ma anche di fotografia, libri, arte e di tutto ciò che attiene alle diverse forme di manifestazioni della cultura;
– rivolgersi in particolare ai giovani, anello generazionale decisivo nell’evoluzione e nella crescita culturale del nostro Paese.

L’Associazione è già operativa ed ha avviato una serie importante di rapporti con Istituzioni ed Enti operanti nel settore della cultura, in particolare con il Ministero dei Beni Culturali, la Rai, Rai Cinema, il Teatro dell’Opera, l’Università Roma Tre, l’Università per stranieri di Perugia, l’American Academy in Rome.
Sono stati, inoltre, stabiliti rapporti di collaborazione con la Fondazione Operation Smile, la Fondazione Internazionale Accademia Arco, la Cineteca Nazionale, l’Associazione Giovani Per Roma, la Fondazione Bideri, il Palazzo delle Esposizioni, l’Open Colonna, Palazzo Altieri, il complesso espositivo di San Salvatore in Lauro, nonché instaurate relazioni con noti registi, autori e giornalisti.

All’interno dell’Associazione opera un Comitato Scientifico presieduto dal Prof. Giovanni Paciullo e composto da noti nomi del settore come Raffaele Barberio, Guido Barlozzetti, Alberto Castagna, Laura De Luca, Mauro Miccio e Patrizia Romani.